Pricing e controllo di gestione

Pricing significa gestire i prezzi dei prodotti o servizi venduti.

Si parte dai costi, ovviamente (e già questo non è semplice: ci sono diversi metodi e criteri) e si aggiunge un ricarico. Poi ci sono le scale sconti, le offerte speciali, le condizioni commerciali.

C’è la costruzione e manutenzione del listino prezzi, il confronto con la concorrenza e le attese dei clienti.

Insomma, il pricing è materia articolata, che sta a metà tra il mondo dei numeri (amministrazione e controllo) e quello del marketing.

Su questo argomento Alessandro Silva e io abbiamo scritto il libro “Pricing: definire i prezzi”, che la casa editrice ci dice il più venduto in Italia nel genere divulgativo. Inoltre teniamo corsi presso diversi enti formativi.

A che cosa mi serve il Pricing in azienda?

Con il nostro supporto i clienti possono:

  • Verificare i costi e i criteri per costruire le distinte base, così da rispondere alla domanda: “Quanto costa in realtà il mio prodotto?” “Mi conviene continuare a produrre o acquistare fuori?”
  • Controllare la coerenza dei listini prezzi: “Il mio listino è articolato e strutturato in modo da massimizzare gli utili? Offro un mix di prodotto e di linea che consente di coprire le esigenze dei clienti senza accavallamenti e cannibalizzazioni?
  • Simulare variazioni ai prezzi: “Cosa succede se alzo o abbasso i prezzi anche solo di pochi punti percentuali? Qual è l’elasticità della domanda al prezzo?”

Una volta appreso il metodo, le aziende sono in grado di gestire da sole questa attività, con un controllo semestrale da parte nostra.

Per le caratteristiche del servizio, l’attività si può solitamente configurare come formativa e dunque finanziabile tramite gli appositi Fondi Interprofessionali (Fondimpresa, Forte, ecc.)

 

Qui trovi alcuni articoli che parlano di Pricing.

La nuvola del Corriere-it

2013.04.08 – MARIANI – Pricing – come misurare il valore della propria offerta – parte 2-1

2013.06.06 – MARIANI – l’effetto mix delle politiche di prezzo – parte 2

Vuoi saperne di più? Scrivi una mail

E per richiedere i file Excel, con formule di calcolo, riportati nel libro contattaci

Risorse utili:

Scarica le prime 20 pagine del libro “Pricing: definire i prezzi”   Pricing anteprima

Guarda l’estratto dalla presentazione al convegno di Padova

 

Il controllo di gestione: mi serve davvero?

Dove sono finiti i soldi? Perchè lavoro tanto ma gli utili sono bassi?

Risponde la nostra Franca Saccomano:

“Nella mia carriera professionale è accaduto spesso che imprenditori a capo di aziende appartenenti a diversi settori merceologici chiedessero la mia consulenza per capire il motivo di un’eccessiva tensione finanziaria o di un risultato economico inaspettatamente negativo.

Il comune denominatore di questi imprenditori era avere come unico strumento di controllo della gestione aziendale il bilancio d’esercizio, anche se redatto mensilmente.

Ma il solo bilancio d’esercizio non può farci capire dove, nelle varie combinazioni linee di prodotto/mercati geografici, canali distributivi, ecc. si originano veramente quegli utili e quelle perdite che sommati insieme ci forniscono il risultato economico di bilancio.

Ecco cosa serve il Controllo di Gestione: vivisezionare l’azienda nella sue linee di business, nei suoi costi, nei suoi processi, nella sua organizzazione per conoscere risultati e marginalità più specifiche ed orientare così le scelte strategiche dell’imprenditore con maggior consapevolezza ed obiettività.”

Qual è il nostro approccio al Controllo di Gestione?

Con piccoli interventi incrementali, senza stravolgere l’attività aziendale, tutti possono inserire in azienda il Controllo di Gestione.

Franca Saccomano è un’esperta in materia ed è anche Dottore Commercialista. Per questo può assistere le aziende con una competenza davvero completa.

Vuoi capire meglio come fare? Contattaci