Naming: le 5 regole per scegliere il nome giusto per un prodotto, un’azienda, un’idea

Il nome è il primo biglietto da visita, ma scegliere il nome giusto non è facile. Come deve essere un nome efficace?

  1. facile da pronunciare, scrivere, memorizzare (e quindi non deve essere un acronimo o un taglia-e-cuci di nomi; ieri ho visto ANPAVI – probabile mix di Anna, Paola, Vittorio…o simili)
  2. si deve distinguere dai concorrenti
  3. non deve essere (solo) descrittivo
  4. deve riflettere un concetto, un'idea, un obiettivo, un significato
  5. deve dire qualcosa di noi e far pensare alle caratteristiche della nostra offerta che vogliamo comunicare e promuovere.

Qualche esempio? La rivista del camionista. "Vado e torno"; qui c'è anche un tocco di humour, un sorriso…che nel lavoro di chi trasporta merci per lavoro ci sta.

Camion

Altro esempio (disclaimer: Alinea è la mia nuova società):

Alinea blue logo

Alinea è il simbolo che indica il cambio di paragrafo, ed è detto anche Pilcrow o ¶

Era usato nei manoscritti antichi per indicare un cambio di pensiero

Pilcrow

Ecco perchè l'ho scelto come simbolo della mia nuova società: c'è una storia dietro il nome che richiama il simbolo del nuovo pensiero, del cambio di prospettiva, del "salto".

Anche graficamente, il logo contiene un "salto" di carattere, e ricorda il percorso di crescita, di sviluppo delle persone e delle idee.

Inoltre Alinea richiama il concetto di allineamento; allineare le varie funzioni aziendali, per esempio vendite e strategia, è uno dei miei obiettivi nel supporto alle imprese.

Ecco, se un nome contiene  una storia, un'obiettivo, un concetto, è tutto più facile.

 

Alinea pilcrowUna cliente mi ha detto che il logo le ricorda (per eleganza e semplicità) una giacca di Armani: lo prendo come un grande complimento (grazie, Vanessa!).

Un nome, un logo quando è efficace non è muto, fine a se stesso, ma fa pensare a qualcosa; e se questo qualcosa è anche bello come una giacca di Armani, tanto meglio.

Ecco. il naming è questo.

Un processo (non sempre facile e che presuppone un ragionamento di marketing) alla fine del quale si produce un nome. Che poi resta…e dunque va pensato con cura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fill out this field
Fill out this field
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu
RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter
LinkedIn

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi