La psicologia e il marketing di domani: perchè Thaler ha vinto il Nobel per l’economia

“Questa è roba da signorine”, pensano alcuni (soprattutto uomini e ingegneri) quando dico che nel prossimo futuro vincerà non solo chi avrà il prodotto migliore, ma chi saprà progettare e fornire la migliore Customer Experience.

“La psicologia non c’entra con il business”, dicono gli stessi ingegneri, scettici su tutto ciò che riguarda una cosa sfuggente come la mente umana.

“L’intelligenza emotiva? Concetto interessante, in teoria, ma come lo metto su un file Excel? come lo vendo al mio cliente imprenditore? come lo spiego in termini di numeri? Lascia perdere, stiamo sul sicuro, ‘sta roba è troppo new age, non è business, non è concreta. Lasciamo andare avanti qualcun altro, poi se la cosa diventa di moda, si fa sempre in tempo a saltare sul carro”

Roba da signorine, per l’appunto. Una moda, passerà.

La psicologia che contamina l’economia, il marketing, perfino la finanza, tutta roba “da uomini”? Assurdo.

Eppure, se ci guardiamo bene intorno,  i segnali ci sono tutti.

Il premio Nobel 2017 per l’economia è andato a Richad Thaler, autore di un bellissimo libro del 2008, professore ed esperto di Finanza Comportamentale (Behavioral Finance).

Le persone (e ogni cliente, ogni investitore è in primo luogo una persona) non compiono scelte totalmente razionali, ma influenzate da aspetti emotivi e percettivi, dunque psicologici.

E nel film “La grande scommessa” (The Big Short: tra l’altro da non perdere per la prestazione attoriale del bravissimo protagonista, Christian Bale) Richard Thaler impersona se stesso per spiegare la crisi dei mutui americani del 2008, che ha scatenato una crisi economica mondiale.

Finanza comportamentale  e Customer Experience sono discipline che mettono in primo piano la persona come essere umano nelle scelte di acquisto e di risparmio.

Ora,  io non sono una psicologa, ma una bocconiana specializzata in Amministrazione e Controllo. Eppure ho capito che per migliorare il mio lavoro con le aziende, soprattutto in area vendite, ho bisogno di studiare anche i temi della psicologia, e in alcuni casi mi faccio aiutare da una collega psicologa.

Il futuro è in mano a chi terrà presente – anche – come funziona la mente umana.

Ma alcuni ingegneri-dinosauri non lo possono o non lo vogliono vedere.

Scusate lo sfogo.  Chi mi conosce di persona avrà capito a chi e cosa mi riferisco.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*