I clienti che NON vogliamo

A volte è bene avere le idee chiare non solo sui clienti a cui ci rivolgiamo ma anche su quelli che non vogliamo.

Ecco il bellissimo caso di una catena di sale cinematografiche che ha – tra le altre cose – ridefinito la customer experience ed ha grande successo, nell’era di Neflix e dei film in streaming. Ne parlerò in modo approfondito a breve; per ora condivido questo filmato che illustra un aspetto particolare di Alamo Drafthouse movie theaters: chi parla, manda messaggi, o guarda il cellulare durante la proiezione viene buttato fuori.

Il video riporta la registrazione di un messaggio vocale lasciato da una spettatrice colta in fallo ed invitata ad uscire dal cinema.

Dopo molti insulti e parolacce varie, la spettatrice giura che non metterà mai più piede nel cinema.

Il video si conclude con un: “Bene!” Non vogliamo clienti così.

Per contrario, proprio ieri ho parlato con un imprenditore di un’azienda in un settore di beni voluttuari. La strategia? Ci rivolgiamo a tutti: uomini, donne, giovani, meno giovani, con gusto classico ma anche moderno…

Attenzione: a voler essere tutto per tutti, si finisce con l’essere niente per nessuno.

Meglio le scelte, anche se coraggiose e un po’ controcorrente, come quelle del cinema Alamo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*